Hai già provato a comunicare con le unità Canvas di Facebook?

prima canvas
Data: 06/09/2016

Canvas in inglese vuol dire tela, ovvero, per metonimia, quadro. Facebook però non offre tra le sue opzioni la semplice possibilità di realizzare un quadro. Ciò che è possibile adesso creare – tra le nuovissime funzioni dal social più utilizzato al mondo – è una vera e propria possibilità di racconto intermediale, che integra la dimensione dell’immagine e del testo con quella del video. Il tutto in un unico post. Queste sono ad un primo livello le unità Canvas, che, statene certi, saranno sempre più utilizzate di qui a breve.

Comporle è abbastanza semplice. Oltre alle foto, ai video, ai caroselli e agli slider è adesso possibile introdurre questa forma di advertising che ibrida le precedenti inserzioni di Facebook con dei veri e propri mini siti in grado di visualizzare più tipologie di info.

canvas-2

Una volta scelta questa opzione e andando avanti con la creazione del contenuto ci troveremo di fronte ad un pannello di caricamento che ci offrirà la possibilità di personalizzare la nostra unità con materiale multimediale di vario tipo: immagini + video. Le possibilità sono molte e l’up-load è di semplice gestione: possiamo inserire un breve testo, il nostro logo, il colore dello sfondo e un button che porta diretti al sito di destinazione.

canvas-3

Gli elementi di novità e i vantaggi sono molteplici. Proviamo ad elencarne alcuni:

  1. L’anomalia del contenuto, diviso appunto tra immagine e video, rispetto alla routine dei consueti messaggi, coglie di sorpresa l’utente Facebook e irrompe nella bagarre delle slide quotidiane come un qualcosa che desta sicuramente l’attenzione
  2. Velocità di caricamento e di fruizioni sono assicurati, in quanto i contenuti nascono da mobile per il mobile e non vengono richiamati da alcun server esterno
  3. Le unità Canvas sono fruibili indifferentemente da dispositivi Android e IOS
  4. L’esperienza complessiva è più ricca di dettagli, tanto da avvicinare l’utente al brand attraverso una tipologia di racconto del tutto diversa rispetto al passato

In conclusione con questa innovazione Facebook rende ancora più navigabile un contenuto multimediale all’interno dello stesso social, rendendo comoda e appagante la user experience e richiamando molto da vicino (con qualche differenza in positivo, prime tra tutte velocità di navigazione e sintesi) le modalità delle pagine web. Si tratta di una vera e propria narrazione virtuale per la comunicazione dei messaggi pubblicitari. Sicuramente una innovazione che andrà verificata e sfruttata a lungo, in grado di segnare una distanza con il precedente metodo di comunicazione social.

Comments are closed.

PARLA CON NOI
Chatta con noi
Domande, dubbi, problemi? Siamo qui per aiutarti!
In connessione...
Nessuno dei nostri operatori è disponibile in questo momento. Per favore, prova più tardi.
I nostri operatori sono impegnati. Per favore, riprova più tardi
:
:
:
Hai domande? Scrivici!
:
:
Questa sessione chat è finita
Questa conversazione è stata utile? Vota questa sessione di chat.
Positivo Negativo