Chat with us, powered by LiveChat

Il vino e l’advertising a click: sopra sì a destra forse

Il vino e l’advertising a click: sopra sì a destra forse

Google AdWords ha cambiato a fine inverno 2016 il sistema di visualizzazione degli annunci con la rimozione della sidebar lato destro. Dopo alcuni mesi di test e di analisi ecco le nostre riflessioni a riguardo. Come è cambiato il modo di sponsorizzare la propria attività e la propria offerta attraverso gli annunci sponsorizzati?
Molte aziende vitivinicole – assieme ai marketplace più quotati dedicati al mondo del vino – sono soliti aiutare la visibilità del proprio sito internet con annunci a pagamento. Adesso cosa si è modificato in seguito alla rivoluzione di Google Adwords?
Meno spazio per gli inserzionisti con budget limitato ma anche più uniformità delle ricerche nella versione desktop rispetto alla versione mobile. Questi sono i primi effetti tangibili del cambiamento. Ma c’è di più. Cerchiamo di riassumerlo in almeno quattro punti:

  1. Maggiore attenzione per il quality score e per la coerenza dei testi degli annunci
  2.  Importanza fondamentale dei sitelinks
  3. Importanza notevolmente aumentata nell’inserimento della propria attività all’interno di Google My Business
  4. Importanza fondamentale di Google Shopping

Quality Score
A prima vista sembrerebbero dominare soltanto quelle campagne che hanno più budget a disposizione. Meno spazio, più competizione e dunque rilevanza dell’offerta destinata al singolo click. Come in tutte le campagne AdWords però conta anche e soprattutto il quality score, ovvero il sistema che assegna un punteggio di qualità in base alla pertinenza degli annunci rispetto alle parole chiave impiegate a livello di campagna. Dunque: valutate di affidare la configurazione e la gestione della campagna ad esperti AdWords, con doti di copywriter per il web e particolarmente attenti alle parole chiave a corrispondenza inversa da settare nel momento in cui NON vogliamo comparire in concomitanza di ricerche troppo generiche o non adatte al nostro tipo di offerta. Contano davvero anche pochi centesimi risparmiati in questa fase.

Sitelinks

I link visualizzati sotto alcuni risultati di ricerca di Google, denominati sitelink, hanno lo scopo di aiutare gli utenti a navigare nel sito. Nel caso degli annunci a pagamento, hanno la funzione di determinare con maggior porzioni di testo – misurate in un numero di caratteri obbligati fin a partire dall’annuncio – importanti informazioni complementari quali numeri di telefono, offerte in corso, pagine social, sezioni specifiche e quant’altro. In una esasperazione del concetto di verticalità della lettura, i sitelinks aggiuntivi risultano dunque fondamentali anche per limitare gli spazi a disposizione dei competitors. Chi è più bravo a scrivere di più, vince.

Google My Business
Free, sicuro, abbastanza rapido (due settimane di attesa): ecco uno strumento di Google che ci permette di far comparire in alto a destra la nostra attività, con tanto di scheda e di fotografie a corredo, informazioni e recensioni. Cosa volere di più, visto che nella parte destra adesso non è più possibile stare a pagamento? Possiamo farlo gratis, basta attivare la scheda e attendere via posta tradizionale il nostro codice di verifica. Quando tutto sarà attivo – passano dalle due alle tre settimane – potremo venire visualizzati da chi sta cercando noi e alcune parole chiave generiche. Non è una copertura performante su un vasto numero di keywords quella che Google My Business garantisce ma è già qualcosa, soprattutto visto che non ci costa nulla!

Google Shopping
Inserirsi all’interno di questa estensione di AdWords può risultare costoso, ma è attualmente l’unica soluzione tecnica in grado di far comparire a destra la nostra azienda con annunci integrati di foto e testo. Praticamente insostituibile per gli e-commerce puri, può comunque portare vantaggi anche per gli e-commerce indiretti. Ancora una volta la priorità risulta togliere spazio agli altri e comparire in zone strategiche ormai vietate, quali la sidebar posizionata in alto a destra della serp di Google. La battaglia per accaparrarsi i migliori contatti in target si svolge lì; per voi quanto è importante esserci?